LA MIA ANIMA HA FRETTA – Mario de Andrade

Pensieri e parole Sul Sentiero

LA MIA ANIMA HA FRETTA

Ho contato i miei anni e ho scoperto che ho meno tempo per vivere da qui in poi rispetto a quello che ho vissuto fino ad ora.
Mi sento come quel bambino che ha vinto un pacchetto di dolci: i primi li ha mangiati con piacere, ma quando ha compreso che ne erano rimasti pochi ha cominciato a gustarli intensamente. Leggi tutto “LA MIA ANIMA HA FRETTA – Mario de Andrade”

I BENEFICI DELLA BELLEZZA – Piero Ferrucci

Pensieri e parole Sul Sentiero 

La bellezza è una risorsa formidabile dai mille risvolti. Vedere un quadro ai piedi del letto in ospedale ci fa guarire prima. Camminare fra gli alberi ci fa diventare più creativi. Andare a esposizioni e concerti ci fa vivere più a lungo. E così via. Tutto provato, ricerca dopo ricerca. Però attenzione: la bellezza ci insegna proprio a godere di qualcosa che non serve a nulla. A che ci servono un adagio di Mozart, o i colori di un arcobaleno, o la splendida geometria di un fiocco di neve? Leggi tutto “I BENEFICI DELLA BELLEZZA – Piero Ferrucci”

GRAZIE, GRAZIA, GRATITUDINE – Corrado Pensa

Pensieri e parole

“La facilità alla gratitudine è il polo opposto al dare tutto per scontato, che è una forma di indurimento, una forma di chiusura, a volte penosamente cronica. La facilità alla gratitudine è il contrario del sentirsi dolorosamente in credito, di sentire spesso – o sempre e comunque – di non essere abbastanza, di non avere abbastanza, di non ricevere abbastanza: grandi sofferenze, che la pratica ci aiuta progressivamente a comprendere e a sciogliere. La consapevolezza è una grande compagna della gratitudine, la consapevolezza ci fa notare con grande tranquillità tutto quello che riceviamo, ce lo fa scoprire con naturalezza. Leggi tutto “GRAZIE, GRAZIA, GRATITUDINE – Corrado Pensa”

SAPER ASCOLTARE PER SENTIRCI VERAMENTE CONNESSI CON GLI ALTRI – Thic Nhat Hanh

Pensieri e parole

“Tutti noi desideriamo la connessione, e molti di noi tentano di trovarla attraverso i propri cellulari o email. Proviamo un senso di dolcezza neurochimica quando qualcuno ci invia un SMS o un’email e ci sentiamo in ansia quando non abbiamo il cellulare con noi o vicino a noi.

Se vogliamo essere maggiormente connessi con gli altri non dobbiamo mandare loro più SMS, ma dobbiamo ascoltarli di più. L’ascolto profondo porta alla comprensione. La comprensione porta a una maggiore connessione.”

Tratto da: “Il dono del silenzio”, Garzanti ed.